Non c’è parte del corpo immune alle infiammazioni. L’infiammazione è la reazione del corpo dovuta un trauma, un’irritazione o infezione.

L’infiammazione si verifica quando alcune sostanze chimiche dai globuli bianchi vengono rilasciati nel sangue o nella zona interessata come mezzo di protezione.

Il rilascio di queste sostanze chimiche comporta un aumento del flusso di sangue nella zona interessata, stimolando la rigenerazione e la guarigione.

Anche a causa del maggiore apporto di sangue e fluidi nella zona interessata si possono verificare rossori, gonfiori e un’aumento del calore del tessuto.

A volte l’infiammazione è accompagnata da dolore, ma non sempre, perché molti organo del nostro corpo non hanno terminazioni nervose sensibili al dolore.

Sebbene il processo di infiammazione è quello di proteggere il corpo, quando la risposta è molto lunga e importante, questa infiammazione può diventare pericolosa. Alcune condizioni come l’artrite, le allergie e l’asma sono classici esempi di situazioni infiammatorie croniche fuori controllo.

Il trattamento per l’infiammazione

Esistono alimenti antinfiammatori, farmaci, erbe e integratori con qualità antinfiammatorie. In queste situazioni i globuli bianchi rilasciano delle sostanze chimiche, quando il corpo è infiammato e irritato.

Alcune delle sostanze chimiche prodotte durante questo processo sono le Prostaglandine.  La prostaglandina-endoperossido sintasi (o ciclossigenasi, COX), sono gli enzimi che rilasciano le prostaglandine.

Uno degli effetti delle Prostaglandine è quello di aiutare la regolazione del processo infiammatorio. Alcuni farmaci, certi tipologie di erbe e alcuni integratori alimentari sono molto utilizzati per trattare le infiammazioni inibendo gli enzimi COX e diminuendo così il gonfiore e l’infiammazione.

Aloe vera come un antinfiammatorio

Alcuni ricercatori hanno scoperto che in Messico l’Aloe Vra inibisce la COX-2, quindi è utile nel ridurre il gonfiore causato dalle infiammazioni senza produrre effetti gli collaterali indesiderati dei farmaci COX-2. (1)

La pianta di Aloe Vera contiene per lo più acqua e 75 elementi tra cui minerali, vitamine, aminoacidi, enzimi, fitonutrienti, gliconutrienti, glicoproteine e polisaccaridi.

La Bradichinina è un peptide che è coinvolto in molti processi fisiologici del corpo, come il dolore, le allergie e le infiammazione croniche acute. Uno degli enzimi contenuti nell’Aloe Vera è la Bradykinase che rompe la Bradichinina. (2) (3)

Il Lupeol, uno degli steroli vegetali contenuti nell’Aloe Vera è un antimicrobico, antitumorale con proprietà antinfiammatorie ed è anche conosciuto per la sua capacità di bloccare l’assorbimento del colesterolo nel sangue. (4)

La metalloproteasi (MMP) sono enzimi coinvolti in molte condizioni fisiologiche e patologiche, tra cui l’infiammazione e l’artrite. La MMP-9 è un importante secrezione di globuli bianchi legata al danno cellulare e tissutale nelle patologie infiammatorie degenerative.

L’attività antinfiammatoria di Aloe Vera è stata testata attraverso studi di inibizione MMP e i risultati hanno dimostrato come questa pianta riduce in modo significativo la produzione di MMP-9. (5)

L’acido salicilico è in grado di alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione in quanto inibisce la formazione di Prostaglandine. L’aspirina (acido acetilsalicilico) è un derivato chimico dell’acido salicilico naturale. L’Aloe Vera contiene acido salicilico. (6)

Per concludere possiamo dire che l’Aloe Vera è una buona scelta come un antinfiammatorio naturale e molto versatile. Può essere usata internamente ed esternamente, riducendo l’infiammazione e inibendo diversi aspetti del processo infiammatorio. Aiuta la rigenerazione dei tessuti che a sua volta riduce l’infiammazione!

Riferimenti bibliografici

  1. Vazquez B, Avila G, et al. Attività antinfiammatoria di estratti di Aloe Vera Gel. J Ethnopharmacol. 1996; 55 (1): 69-75
  2. Bradykinase attività in Aloe Estratto: Fujita, K., Teradaira, R. & Nagatsu, T., Biochemical Pharmacology 25 205 1976.
  3. Bautista-Perez R, Segura-Cobos D, Vasquez-Cruz B. In vitro antibradykinin attività di Gel di Aloe Barbadensis. J Ethnopharmacol. Luglio 2004; 93 (1): 89-92
  4. Davis, R, S Donato, et al. attività di guarigione antinfiammatori e ferita di una sostanza crescita aloe vera. J Am Podiatr Med Assoc. 1994; 84 (2): 77-81
  5. Vijayalakshmi, D, et. al. Attività antinfiammatorie di Aloe Vera in vitro con il regolamento MMP-9 nelle cellule mononucleari del sangue periferico. J Ethnopharmacol. 7 maggio 2012 (1): 542-546.
  6. Moghaddasi, S, Kumar Verma, S. – Aloe Vera: la sua composizione chimica e le applicazioni: una rassegna. Int J Biol Med Res. 2011; 2 (1): 466-471

I vantaggi dell’Aloe Vera (Aloe Barbadensis Miller) sono stati sempre conosciuti nel corso dei secoli, da Cleopatra che lo utilizzava per motivi estetici ad Alessandro Magno per la proprietà curative sorprendenti.

La ricerca ora supporta i benefici dell’Aloe Vera uso che molte persone in tutto il mondo hanno sostenuto.

Questi vantaggi sulla salute si riflettono sull’apparato digestivo, come cicatrizzante e antinfiammatorio. L’Aloe Vera è un antibiotico naturale utilizzato moltissimo nella produzione di cosmetici per la pelle. Continua a leggere

Da dove arriva la pianta di Aloe Vera?

La pianta dell’Aloe Vera proviene molto probabilmente dall’Africa del Nord. L’Aloe Vera è una pianta grassa, una “pianta del deserto” che è stata utilizzata per secoli come rimedio naturale per curare molte patologie legate alla salute dei popoli che la utilizzavano.

Esistono circa 400 specie del genere Aloe ma l’Aloe Vera è quella più popolare e maggiormente utilizzata per guarire malattie della pelle e aiutare l’organismo a depurarsi e aumentare le difese immunitarie.

La pianta di Aloe Vera è stata sempre utilizzata sia come un gel esterno applicato sulla pelle che internamente come bevanda a base di succo di aloe vera.

Anche se questa pianta sembra appartenere alla famiglia dei Cactus, è invece legata alla famiglia del Giglio.

Dai cosmetici ai prodotti farmaceutici, questa bella pianta è conosciuta da secoli come un toccasana per la salute e la guarigione.

L’Aloe Vera ha diversi nomi come: Aloe barbadensis, Barbados, Cape, Curaiao, Socotrine, Zanzibar aloe, Aloe indica; Aloe Africana, Aloe arborescens, Aloe natalenis, Aloe frutescens, Aloe ucriae, Aloe ferox, Aloe supralaevis, Aloe perryi, Aloe spicata.

Guarigioni nel tempo

La pianta di Aloe Vera è stata utilizzata per le sue proprietà curative in tutto il mondo e nel corso della storia. La più antica testimonianza della pianta risale al 2100 a.c. su una tavoletta sumerica.

Le regine egiziane come Cleopatra usava la pianta di Aloe Vera per la cura della pelle e la sua bellezza.  Alessandro Magno utilizzava le piante di Aloe per la guarigione sulle ferite dei suoi soldati.

Piante di Aloe sono anche riportate in tutta la Bibbia per le sue proprietà curative. Dall’antica Cina e India ai Greci e Romani, questa pianta originaria dell’Africa è diventata popolare in tutto il mondo.

Le proprietà della pianta

L’Aloe Vera ha circa 200 ingredienti naturali biologicamente attivi con 75 importanti costituenti.

Le proprietà della pianta di Aloe Vera

Il gel interno della pianta di Aloe Vera consiste di aminoacidi, enzimi, prostaglandine, acidi grassi, vitamine e minerali.

La pianta di Aloe Vera contiene 19 dei 20 amminoacidi richiesti nel corpo.

Gli aminoacidi sono i mattoni di tutte le proteine che compongono il nostro corpo.

Gli enzimi presenti in Aloe Vera contribuiscono ad accelerare le reazioni chimiche nel corpo che aiutano la digestione.

I minerali che si trovano nell’Aloe Vera includono calcio, cromo, rame, ferro, magnesio, manganese, potassio, sodio e zinco.

Tutti questi minerali sono estremamente importanti all’interno del corpo per la funzione ottimale.

In questa pianta miracolosa possiamo trovare molte vitamine: A, C, E, B1, B2, B3, B6, B12, acido folico.

È interessante notare che, le vitamine A, C ed E sono antiossidanti che sono estremamente importanti nel prevenire il degenrazione cellulare che può portare allo sviluppo di cellule cancerose.

Altri componenti sono il colesterolo, steroidi, lignina, acido urico, gibberelline, acido salicilico e acido arachidonico.

Grazie a questi componenti il gel contenuto nella parte interna è stato sempre utilizzato per le sue proprietà antimicrobiche, antinfiammatorie, antisettiche, antivirali, e antibatteriche sul corpo.